Scriveteci

We transcribed the population’s registers starting from year 1669 and we designed a huge genealogical tree of all families, with branches in the whole world.
Would you like to share your experience or simply find your roots? Do not hesitate to contact us. You won’t regret it!

La breve esistenza di questo blog ci ha già portato diverse soddisfazioni nel far relazionare fra di loro "corippians" che abitavano nella medesima città e nemmeno lo sapevano. Abbiamo trascritto i registri della popolazione dal 1669 in poi ed elaborato un gigantesco Albero Genealogico di queste famiglie con ramificazioni in tutto il Mondo.
Desiderate condividere la vostra esperienza o semplicemente trovare le vostre radici? Non esitate a contattarci, non ve ne pentirete.


A protezione della Privacy i dati sensibili
riguardanti persone viventi non sono da inserire in commenti o post.

sabato 13 giugno 2015

Chi era Domenico Gambetta?

Un breve intermezzo prima di continuare la storia dei miei antenati Scettrini di Vogorno. Sto facendo una piccola ricerca sulle cappelle e sulle immagini religiose che si trovano nei villaggi di Vogorno e di Corippo. Una di queste è particolarmente toccante.
La si vede percorrendo il sentiero che porta da Corippo a Mergoscia, in località Gresina (30-40 minuti da Corippo). Contornata da una cornice decorativa, mostra la Madonna incoronata che regge il Bambino; ai suoi piedi san Domenico in ginocchio e con un giglio in mano. Sulla parte destra dell'affresco è rappresentato uno scheletro a raffigurare la Morte: tiene in mano la falce e un cartiglio con la scritta MEMENTO MORI RESPICE FINEM (ricordati che devi morire).
Una lunga scritta ci racconta la storia di colui che fece dipingere l'affresco: DOMENICO GAMBETA CORIPPO ESSENDO SV DEL MARE ET PERICOLO VITA SE INVODO A DIO ALLA MADONA DE FAR DEPINGERE LA FICVRA DE LA MADONA ET DE S. DOMENICO L'ANNO 1643.
Chissà chi era Domenico Gambetta? Su quale mare si era trovato in pericolo? Dove stava andando? E perché? E chi dipinse l'affresco a Gresina? Alcuni particolari ricordano lo stile di un artista che lasciò diverse opere in valle verso la metà del Seicento e che Piero Bianconi nei suoi scritti sulla Verzasca chiama "pittore di Brione".


-->